SPOT EUTANASIA: Movimento per la Vita, "strategia eutanasica"

SIR 17-12-2010.- Solo l’ultimo episodio, in ordine di tempo, di “una strategia eutanasia che mira, complici diversi mezzi di comunicazione, a propagandare la ‘dolce morte’”.

Così il Movimento per la Vita, in una nota, definisce lo spot pro-eutanasia di “Exit international” che i Radicali sono riusciti a mandare in onda. Per di più, “con l’immancabile sotterfugio: profittando di un programma Rai in cui si parlava di associazionismo, ‘Dieci minuti di…programmi dell’accesso’”.

“E dire che quello stesso spot – ricorda il Movimento per la vita – proprio per il suo messaggio estremamente negativo, era già stato bloccato dall’authority della televisione australiana, dove doveva originariamente essere mandato in onda. Invece è stato il nostro Paese, di fatto, il banco di prova di questa nefasta pubblicità”.

Il Movimento per la vita, nella nota, denuncia e stigmatizza con forza “questa massiccia campagna che continua da mesi nell’indifferenza di molti” e auspica che le autorità di vigilanza della Rai “possano attivarsi con tempestività per fare chiarezza su quanto accaduto”, cioè “per determinare s ela messa in onda è stata autorizzata dalla struttura o se si è approfittato di un omesso controllo da parte dei responsabili”.

“Minimizzare l’accaduto – conclude il Movimento per la vita – significherebbe avallare l’idea che esistono vite umane meno degne di altre di essere vissute”.